Cyber bullismo

Cyberbullismo: che cos’è?

Insultare deliberatamente, minacciare, esporre o molestare altri con l’aiuto di Internet e / o di servizi di telefonia mobile per un lungo periodo di tempo è chiamato cyberbullismo. L’autore del reato è anche conosciuto come “bullo”. Di solito cerca vittime che non possono difendersi così bene, forse perché sono più giovani o non hanno molta familiarità con Internet e / o le necessarie misure di protezione.

Il cyberbullismo può assumere le seguenti forme:

Chicane: Inviare ripetutamente messaggi offensivi e offensivi tramite e-mail, SMS, messaggistica istantanea o chat.

Diffamazione / diffusione di voci: Diffondere voci su Internet e servizi di telefonia cellulare a un gran numero di persone.

Esposizione: Le informazioni che erano state originariamente rese disponibili nella fiducia di una persona specifica vengono inviate ad altre persone al fine di compromettere la vittima.

Esclusione / Ignora: Esclusione deliberata da attività sociali, gruppi, chat, ecc.

Di conseguenza, c’è spesso uno squilibrio di potere tra l’autore e la vittima, che l’autore del reato sfrutta. Primario luogo isola la vittima così socialmente.

Il bullo può spesso molestare in modo anonimo la vittima con chiamate / e-mail tramite piattaforme di social media e servizi di messaggistica. Quindi la vittima non sa chi ha fatto gli attacchi. Dal passato, tuttavia, ora sappiamo che il cyberbullismo tra bambini e adolescenti in particolare di solito coinvolge vittime e autori del loro ambiente personale “reale”, ad es. B. conoscere la scuola, il quartiere, il villaggio o la comunità etnica. Questo è il motivo per cui le vittime spesso sospettano già chi c’è dietro gli attacchi.

Poiché le vittime e gli autori spesso si conoscono, il bullismo a volte avviene in parallelo nel mondo offline e online e / o in modo alternativo. A volte il bullismo continua online, a volte il bullismo inizia online e poi continua nella vita di tutti i giorni (a scuola). Sebbene il bullismo e il cyberbullismo spesso vadano di pari passo, il cyberbullismo differisce nei seguenti modi:

Bullismo contro cyberbullismo


Attacchi giorno e notte
Il cyberbullismo non finisce dopo la scuola o il lavoro. Poiché i cyber bulli possono attaccare 24 ore su 24 tramite Internet (mobile), sei persino seguito da loro a casa. Le tue quattro mura non offrono un luogo per ritirarsi dagli attacchi di bullismo.

L’assenza di volto rende facile ferire
Le reazioni della vittima (ad esempio espressioni facciali, pianto, arrossire, nascondersi (volere), ecc. A una dichiarazione offensiva, un’immagine irrispettosa ecc. Di solito non sono visibili online all’autore del reato. In questo modo, l’entità delle parole e delle immagini offensive spesso non è chiara all’autore del reato.

Internet (mobile) significa che la comunicazione con altre persone sta cambiando enormemente. Da un lato, è sicuramente positivo che possiamo essere raggiunti in qualsiasi momento senza problemi e poter verificare rapidamente cosa ha scritto il tuo migliore amico o quale foto è stata appena pubblicata. D’altra parte, però, ci sono anche tendenze negative che questa nuova “cultura della comunicazione online” porta con sé.

Internet è veloce e non dimentica
Internet è diventato sempre più veloce negli ultimi anni e anche le prestazioni di Internet mobile sono in costante miglioramento. Le conseguenze di ciò sono che le informazioni ci arrivano a intervalli sempre più brevi, anche quando siamo in movimento. Gli utenti si sono adattati a questo: Anche la comunicazione sta diventando più veloce, più irrequieta: se un giorno non sei “acceso”, il giorno successivo troverai sul tuo computer o smartphone una serie di messaggi di amici, conoscenti o colleghi. Al contrario, post, immagini o video vengono condivisi e inviati spontaneamente. Non solo positivi, ma anche per una persona istantanee svantaggiose o commenti degradanti vengono inviati spontaneamente e rapidamente diffusi in modo virale tramite vari servizi a un gruppo di persone ingestibile.

I post inviati elettronicamente sono difficili da controllare una volta che sono online. Pertanto, la portata del cyberbullismo è maggiore di quella del bullismo offline. I contenuti che sono stati a lungo dimenticati possono venire fuori ancora e ancora e rendere difficile per le vittime superarli.

È facile ferire qualcuno in modo anonimo
L’anonimato può promuovere una comunicazione online disinibita che incoraggia l’incitamento e la diffamazione di altri utenti: Coloro che sono anonimi in rete difficilmente devono fare i conti con le conseguenze negative delle loro azioni. Inoltre, la comunicazione online manca di reazioni dirette dall’altra persona (a meno che non comunichi tra loro tramite chat video). L’utente quindi spesso non può valutare come le sue dichiarazioni saranno ricevute dagli altri utenti perché non vede come reagisce l’altro con espressioni facciali e gesti. È quindi facile ferire gli altri online perché non incontri l’altro faccia a faccia.

Non sapere chi siano gli autori può spaventare una vittima e farla sentire insicura perché non sa esattamente chi la sta molestando. L’autore non si mostra direttamente alla sua vittima, ma può agire in modo anonimo, il che gli conferisce una sicurezza seppur ingannevole e spesso tenace perseveranza.

Proteggi i tuoi dati e quindi te stesso!
I social network e molti servizi come WhatsApp, Twitter, Ask.fm ecc. Vivono dal fatto che gli utenti condividono (troppo) molto con gli altri, perché non tutte le informazioni, immagini o video sono adatti alla condivisione con tutti. I bambini e gli adolescenti possono essere facilmente tentati di rivelare molto su se stessi, perché vogliono testare come vanno d’accordo con i loro coetanei. Tuttavia, il feedback di altri su foto, video e altri post pubblicati non è sempre positivo. È facile per un utente cadere in discredito con gli altri per la loro auto-rappresentazione e viene molestato.

Gli amici online sono conoscenti
Le comunità sociali e la messaggistica istantanea offrono l’opportunità di fare nuove conoscenze in modo rapido e semplice. Questi vengono poi immediatamente aggiunti a Facebook, WhatsApp & Co. In questo modo, nel tempo, sempre più contatti provengono da un’ampia varietà di contesti. Non è sempre facile mantenere una visione d’insieme. Ma questo è importante, perché non tutti i post sono adatti a tutti gli altri utenti. Le comunità sociali ora offrono agli utenti la possibilità di ordinare i propri contatti in diversi gruppi. I contributi che l’utente carica possono poi essere approvati in modo specifico per i singoli gruppi (amici, conoscenti, ecc.). In questo modo, si possono evitare spiacevoli reazioni di estranei o conoscenti sciolti a contributi molto personali.

Suggerimenti per le vittime di cyberbullismo


Mantieni la calma: bevi il tè e aspetta!
Se hai letto o visto qualcosa di offensivo, brucerà nella tua memoria e ti sentirai male, disperato e solo in grado di pensarci. Ma è importante che te ne distrai, perché ci sono ancora molte cose che sono anche belle. Esci nella natura, concediti qualcosa, visita gli amici o guarda video incoraggianti e / o informativi (ad esempio di Joko & Klaas). Tutto questo ti porta a pensieri diversi all’inizio e con un po ‘più di forza puoi pianificare i passi successivi.

Ricorda sempre, non sei solo, nemmeno solo con questo problema: ti aiuteremo!
Forse pensi di poter risolvere i tuoi problemi da solo. Potresti anche vergognarti di essere picchiato o non osare parlare con i tuoi genitori perché temi ancora di più lo stress o il divieto dei media. Il più delle volte, tuttavia, è bene condividere te stesso con qualcuno e molti casi di bullismo richiedono l’intervento di adulti. Ma se preferisci ricevere prima una consulenza anonima, puoi utilizzare il modulo di registrazione

Gli attacchi devono essere documentati utilizzando screenshot, ecc.
Impara a fare copie di messaggi, immagini o conversazioni online spiacevoli. Questo, ad esempio, con un buon screenshot che dovrebbe contenere la data, l’ora, la piattaforma e le informazioni sull’autore del reato. Puoi trovare ulteriori informazioni su questo sotto le nostre istruzioni. In questo modo puoi aiutare te stesso e gli altri. Racconta cosa è successo in modo che non succeda a nessun altro. Inoltre, l’autore può essere catturato in questo modo (tramite la scuola, tramite telefono cellulare / provider di servizi Internet e / o anche con l’aiuto della polizia).

Blocca, segnala, elimina
Puoi segnalare insulti, messaggi di odio e immagini cattive direttamente nei servizi in cui appaiono. Facebook, WhatsApp, Instagram, YouTube e altre reti ora offrono modi per segnalare e bloccare cose o persone. Dai un’altra occhiata al nostro tutorial sugli screenshot. Esistono linee guida per proteggere la tua privacy per le singole piattaforme.

Difenditi
Difenditi con intelligenza. Con questo intendiamo, non farti mostrare troppo in pubblico. Per quanto si possa sopportare, naturalmente. A casa, puoi lasciarti andare. Oppure vai nella foresta, lì a volte puoi urlare.

Soprattutto, rispetta le regole di rete 10 # e non ferire nessuno solo perché qualcuno ti ha ferito. Perché questo non risolve alcun conflitto. È molto meglio se lo affronti direttamente. “Mi fa male quando / che tu …”, “Mi sento male perché …”, “Voglio che ti fermi immediatamente!”. È meglio coinvolgere la tua famiglia, i tuoi amici e / o noi. È anche importante che ti informi sulle normative legali, perché se qualcuno diffonde le tue foto senza che gli venga chiesto, questa è una violazione del “diritto alla tua immagine” secondo la legge sulla protezione dei dati. Se qualcuno ti insulta, allora questo costituisce il reato di “insulto”.

Sei fantastico come sei!
A nessuno è permesso farti del male / o farti del male. Perché sei fantastico così come sei! Non dimenticarlo mai!

 

Powered By MemberPress WooCommerce Plus Integration
DE_DE